lunedì 30 dicembre 2013

Chiudiamo per un po'...

Per non essere proprio negativi ho pubblicato la proposta di un tratto ciclabile, ma nel penultimo post  l'amara considerazione sul degrado della Ciclabile Furio Camillo che ho seguito dalla sua nascita, tentando di migliorarla e poi inutilmente di difenderla dall'inciviltà dilagante, predicando nel deserto del cicloattivismo romano che, salvo singoli, salta continuamente di palo in frasca senza preoccuparsi del depauperamento dell'esistente.
 
Qualcuno sostiene che questo blog è "troppo chiuso", perché limita molto i commenti moderandoli, ma è un dato di fatto che chi commenta a parte rare eccezioni, da sfogo a malumori personali e non è costruttivo. Senza contare che un blog non è fatto per le discussioni, altrimenti sarebbe stato sufficiente RomaPedala ed inutile crearne un doppione, mentre le discussioni si portano avanti più proficuamente su un forum, che abbinato ai blog ed alle foto consente di avere un panorama completo della mobilità ciclabile, romana.
 
Non ho riscontrato un salto di qualità rispetto al mio impegno documentaristico, ed ho altresì toccato con mano l'impotenza della giunta Marino, che in 6 mesi non ha prodotto alcun elemento positivo in favore della mobilità ciclabile, neanche quelli a costo zero, anzi lasciando ancora all'abbandono ed al degrado quel poco di patrimonio ciclabile acquisito in ere precedenti.
 
Quindi mi accingo a bloccare per un po' l'attività del blog visto che non riesco a smuovere nulla.
 
Rimango attivo sul forum dei Ciclomobilisti.
 
bikediablo.

[PROPOSTE] Marciaciclo Casilina: potrebbe diventare una ciclabile a basso costo, con due secchi di vernice

Una ciclabile non è solo un posto dove pedalare sicuri, altrimenti sarebbe sufficiente usare alcuni marciapiedi (dove è proibito pedalare), quello che non comprende la maggior parte (purtroppo) dei ciclisti è la pericolosità delle conseguenze non solo fisiche ma anche legali di un incidente causato da una bici su un percorso in cui non può stare.
 
Sul forum dei Ciclomobilisti abbiamo spesso segnalato i cosidetti marciacicli, ovvero percorsi su marciapiedi ampi e deserti che costeggiano strade a scorrimento veloce, poco illuminate o comunque talmente pericolose da sconsigliarne il passaggio.
Lo scopo della segnalazione che non è un mero consiglio all'uso, che sarebbe anche illegale, ma far maturare una presa di coscienza di posti che potrebbero, con due secchi di vernice (come amava dire Caio Fabricius di RomaPedala), diventare delle ciclabili salvifiche per chi usa la bici quotidianamente.
 
Fra questi marciacicli c'è il tratto di marciapiedi che costeggia la carreggiata destra di via Casilina, tra via di Centocelle e via Palmiro Togliatti, in direzione GRA. In pratica bordeggia tutto il tratto del Parco di Centocelle e si congiungerebbe alla Dorsale Ciclabile Togliatti.
 
Gli unici interventi oltre la pittura e l'apposizione di segnaletica sarebbero due o tre sistemazioni, che paradossalmente dovrebbero essere già dovuti nei confronti di pedoni, genitori con passeggini e carrozzine, per non parlare dei disabili.
 
Questo  un ruscelletto che da anni attraversa il marciapiedi
ora con un accampamento abusivo si è colorato di... escrementi ed altro
 

Furio Camillo ciclabile ormai pericolosa, girate al largo!!

un pericolosissimo scalino creatosi nella corsia in discesa

Appelli a destra ed a manca, all'ex Assesore Visconti, all'Ufficio Bici nella persona di Marco Contadini, all'allora Municipio IX nella persona della Presidente Fantino e dell'Assessore alla Mobilità e di quello al Commercio, ai vigili del IX gruppo, all'allora Presidente della Commissione Sicurezza Santori... Tutto inutile... automobili e moto parcheggiate sopra, furgoni e cassonetti dell'AMA, ultimamente lavori di manutenzione dei palazzi circostanti, hanno portato la ciclabile ad un budello inservibile anzi pericolosissimo per i ciclisti che la userebbero per spostarsi nel quartiere o per passarci nel percorso casa-lavoro-casa. Spesso snobbata anche dai ciclisti, anche da quelli che vorrebbero salvare la vita ad altri.

giovedì 14 novembre 2013

Caracalla - viale Guido Baccelli: pari opportunità al semaforo ?

attraversamento ciclopedonale fronte FAO
Di fronte all'ingresso carrabile della FAO, su viale Guido Baccelli, c'è un attraversamento ciclopedonale lungo la pista ciclabile "dorsale colombo".
Il semaforo, che come si vede dalla foto è correlato a quello più avanti, inspiegabilmente scatta verde per pedoni e ciclisti alternativamente rispetto all'altro che sta più avanti. 
In pratica occorre attendere due cicli di semaforo per attraversare, nonostante le pochissime auto che potrebbero girano a destra restano comunque bloccate dalla coda di quelle ferme al semaforo successivo. Non sarebbe ora di uniformare gli scatti riducendo così il tempo di attesa ?
Tra l'altro molti pedoni e ciclisti, sbagliando,  si azzardano comunque a passare, ma rischiano di essere travolti da (e/o travolgere) moto e motorini che sgusciano fra le auto ferme, addirittura a volte contromano!
A qualcuno frega qualcosa oltre a me ?

mercoledì 30 ottobre 2013

Fori Imperiali: pedonalizzazione e mobilità ciclabile

Questo post non parla di ciclabili, anche se il sindaco Marino ha preannunciato i lavori per una pista ciclabile su via dei Fori Imperiali entro fine anno, ma di un tratto di strada tra via Merulana e Piazza Venezia che è molto usato dai ciclisti per spostarsi.
Però questo post ha ragion d'essere in quanto pochi ciclisti, me compreso a volte, conoscono la reale situazione esistente in zona in seguito all'operazione di cantierizzazione per i lavori della Metro C, erroneamente ribattezzati "pedonalizzazione".


dettaglio del cartello che esclude le bici dal divieto
di transito su via dei Fori Imperiali

venerdì 25 ottobre 2013

Resoconto incontro del 23 ottobre 2013 con la delegata Stefania Giusti.

dal forum dei Ciclomobilisti:
"La Sig.ra Giusti è stata delegata dall’Assessore alla Mobilità del Comune di Roma, Guido Improta, di seguire la mobilità ciclabile che da luglio ha ereditato dall’Assessorato all’Ambiente che mantiene però la delega per le pulizia delle piste ciclabili.

Si è presentata e ci ha detto subito che l’assessorato ha preso visione del Piano Quadro e dello stato dell’arte della ciclabilità romana, quindi ha iniziato a spiegare le intenzioni dell’Amministrazione Marino, ossia preparare un documento da inserire nella presentazione del Bilancio del Comune di Roma per i prossimi 3 anni, per un finanziamento pari a 30 milioni di Euro. Nel documento dovranno inserire quelle che secondo i ciclisti romani sono le priorità. Per determinare queste priorità hanno iniziato un percorso di partecipazione coinvolgendo le associazioni ed i gruppi di ciclisti, fra cui i Ciclomobilisti.

La pulizia delle ciclabili ed i lavori collaterali

dopo i lavori restano i rifiuti. rischio forature
Settimana scorsa tornando a casa dal lavoro ho trovato sulla pista ciclabile a Tre Fontane, i mucchietti i residui dei lavori di rimozione di sterpaglie e rampicanti, che incaricati del Comune di Roma stavano togliendo al mattino dal muro che costeggia la pista ciclabile.
I mucchietti erano niente perchè lungo tutto il tratto di pista dal Luneur fino al ponte ciclopedonale c'erano in terra spine ed altri residui che mi hanno bucato la gomma posteriore.
Non è la prima volta che accade, sia li che in altre zone, fanno i lavori, sulla ciclabile o meno, ma poi non puliscono l'area di intervento. Altra cosa incivile è che posteggino i furgoni sulla ciclabile, per due motivi essenziali:
1. il primo evidentissimo quello di non mpedire completamente il passaggio dei ciclisti, un minimo disagio è comprensibile, il blocco totale senza preavviso, proprio mentre si va o torna dal lavoro è micidiale;
2. il secondo motivo è la protezione della pista ciclabile stessa, perchè il materiale di cui è ricoperta si crepa o si crepa l'asfalto, con danni che alla lunga rendono inutilizzabile la pista.

Chi fa manutenzione delle o sulle piste ciclabili non può non conoscere queste semplici nozioni che dovrebbero essere di buonsenso. Ho segnalato la cosa all'Assessore Estella Marino il cui assessorato è ancora responsabile per la pulizia delle piste ciclabili. Vedremo


martedì 15 ottobre 2013

Dorsale Tevere: lavori in corso a Riva Pian Due Torri

Atto del 20 febbraio 2012 !!!
Con questo pezzo di carta fissato ad una transenna, che probabilmente è stata spostata da qualcuno cui dava fastidio la chiusura della tratta, è stata deviata la pista ciclabile. Sul pezzo di carta si parla solo di "cantierizzazione della tratta", per fare cosa non è dato sapere, come ormai accade abitualmente non ci sono dettagli sui lavori in corso.
La cosa che colpisce è che il documento è datato febbraio 2012 ed è firmato anche dal Coordinatore Tecnico della Cabina di Regia, Cabina di Regia che in teoria doveva essere istituita con il Piano Quadro che è stato approvato in Aprile 2012 e pubblicato solo a Settembre 2012. Mistero dei misteri.

lunedì 14 ottobre 2013

Ponte della Scienza e Passaggio via Tirone (ex-Miralanza)

A giugno scorso parlando del Ponte della Scienza avevo accennato ad un possibile passaggio su via Tirone, ieri sono andato ad ispezionarlo di nuovo e ve lo descrivo nell'attesa dell'apertura del Ponte, che purtroppo però non risolverà i problemi di collegamento con via del Porto Fluviale finché non sarà effettuata l'asfaltatura del lungotevere dal lato del gazometro.

Ovviamente non è ufficialmenete un passaggio ciclabile quindi chi lo percorre lo fa a proprio rischio e pericolo, considerando la possibile presenza di pedoni o intralci.

Partiamo dalle ultime foto dell'articolo di giugno, l'accesso al passaggio su via Tirone si trova proprio dirimpetto all'accesso del ponte su lungotevere Gassman, e proseguiamo con quelle scattate ieri.

attenzione al fondo che potrebbe essere
scivoloso con pioggia e foglie

giovedì 3 ottobre 2013

Speriamo in una nuova gestione

Dopo la segnalazione della foto pubblicata ieri, del carro attrezzi parcheggiato in modo pericolosissimo sulla ciclabile togliatti, ho provato a chiedere un parere su twitter alla Delegata alla Mobilità Ciclabile di Roma Capitale: Stefania Giusti. Speriamo bene.


martedì 24 settembre 2013

Deviazioni sulla Tevere Sud ?

Fabio sul forum dei Ciclomobilisti:
"[...] c'e una deviazione per lavori in corso nel tratto che và dal viadotto della magliana verso nord, un paio di cento metri. sul posto le indicazioni per scendere sull'argine del fiume e proseguire senza scendere di sella. il tracciato però è "sporco" , siamo a rischio foratura, risaliti più o meno all'altezza della ex-voragine [...]" 
L'ex-voragine dovrebbe essere quella all'altezza di via Pescaglia/via Pian Due Torri. La cosa assurda è che come al solito debbano essere i cittadini ad avvisarsi fra loro... o stamattina ne hanno parlato al CCISS ?

Per approfondire seguite la discussione sul forum

venerdì 20 settembre 2013

La delega sulla ciclabilità passa alla mobilità. Sarà stato un affare ?

Stefania Giusti delegata alla Mobilità Ciclabile
Ieri sera alle 18.30 incontro a Piazza San Silvestro con la delegata alla mobilità ciclabile Stefania Giusti. Ancora chiacchiere sulla ciclabilità mentre i ciclisti urbani si aspettano fatti dopo 100 giorni, l'unico atto "positivo" è stato la rimozione della scaletta per scendere sulla Ciclabile Tevere, ma restano inalterati i problemi di segnaletica, informazione, pulizia e soprattutto scarso controllo della sosta vietata sulle piste ciclabili. In particolare ieri durante i Bike to Work Day e BiciBus nell'ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile è emersa una imbarazzante latitanza del Comune di Roma che ha pubblicizzato gli eventi ma non ha attuato alcuna iniziativa di supporto concreto.
Un piccolo resoconto dell'incontro con la delegata sul forum dei Ciclomobilisti.

venerdì 13 settembre 2013

Settimana Europea Mobilità Sostenibile: speriamo che il Comune di Roma intervenga

Da lunedì 16 a domenica 22 settembre torna la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile (European Mobility Week) quest'anno per fortuna il Comune di Roma ha deciso di scendere in campo almeno segnalando le iniziative autonome dei gruppi e delle associazioni.

Speriamo che l'amministrazione comunale provveda almeno per questa settimana a pulire con attenzione le piste ciclabili, eliminando i problemi più grossolani e che vengano represse le soste vietate su piste ed attraversamenti.

domenica 4 agosto 2013

Tevere sud: riaperta a Pian due Torri

Il tratto è stato riaperto ma come al solito non è chiaro se sia stato ufficialmente aperto. Oppure se i soliti vandali o finti difensori dei deboli hanno tolto le transenne.

venerdì 2 agosto 2013

Ciclabili o parcheggi ? ecco come si rovinano le piste

via delle Terme di Caracalla, lati della ciclabile (prato)
diventano parcheggio di decine di motorini
Oltre che pericoloso per i ciclisti (e pedoni), visto che gli scooter salgono con il motore acceso, si rovina il fondo della pista ed il prato ai lati della pista.
Quanto ci costa questo sistema di sosta ? Dove si trova la Polizia Locale di Roma Capitale quando c'è da controllare questo scempio ?

Dorsale Colombo angolo via Cilicia: attenzione olio !

una chiazza d'olio in prossimità della pista
Sul marciapiedi di via Cilicia in prossimità della pista ciclabile Colombo c'è una grande chiazza, credo, di olio visto che non si è asciugata in questi giorni ed il colore scuro.

Quel marciapiedi è molto usato dai ciclisti urbani come marciaciclo per raggiungere Piazza Galeria evitando di andare in strada (che è praticamente un'autostrada nonostante il limite a 50 km/h).

martedì 30 luglio 2013

Tevere sud: quale paesaggio ?

Mentre su annuncia il prolungamento della Dorsale Tevere fino alla Fiera di Roma con ardite descrizioni di storici e bucolici paesaggi, questa è la situazione che trovano i ciclomobilisti ora sotto al viadotto della magliana. Ora basta sciocchezze !

la pista/strada è diventata la main street del villaggio abusivo.

mercoledì 17 luglio 2013

Altri cinque anni di passione ?

a sinistra con il megafono Luigi Nieri (vicesindaco di Roma)
Da questa foto del giornale online di Repubblica temo di capire quale sarà l'andazzo dei prossimi 5 anni, visto che, tra l'altro, l'assessore alla Mobilità (Improta) non ha ancora detto una parola chiara sulla Ciclabilità.

martedì 16 luglio 2013

Ciclabile Tevere fino a Nuova Fiera di Roma ? A che serve ?

Leggo su la Repubblica:
"MOBILITÀ, DA REGIONE FONDI PER CICLABILE FINO A NUOVA FIERA ROMA"
La pista ciclopedonale che oggi va da Castel Giubileo al Grande Raccordo Anulare potrà essere completata fino a raggiungere la Nuova Fiera di Roma con il risultato di offrire ai residenti e ai turisti un itinerario di straordinario pregio ambientale, a ridosso di aree archeologiche e monumentali, parchi e aziende agricole, circoli sportivi e ricreativi tra cui passeggiare, correre o andare in bicicletta. È la Regione Lazio a rendere di nuovo possibile questo traguardo, da tempo indicato da diverse associazioni, ripristinando il relativo finanziamento che era stato cancellato dalla precedente giunta. Ora si attende di acquisire il progetto da Roma Capitale". Lo ha annunciato Michele Civita, Assessore alle Politiche del Territorio, della Mobilità e dei Rifiuti, durante l'incontro sul tema "Restituire il Tevere ai cittadini" promosso dal "Coordinamento Arginiamo", da "Ideeincorsa" e da "Territorio Roma", al quale ha partecipato anche l'assessore capitolino all'Ambiente Estella Marino. "La pista sul fiume era stata inserita nel 2012 nei piani di ciclabilità comunale e provinciale. Ora la giunta Zingaretti ha reperito le risorse per un finanziamento pari a 1,7 milioni di euro attingendo ai fondi dell'Aremol, l'agenzia per la mobilità della Regione Lazio". (omniroma.it)
(11 Luglio 2013 ore 17:16)"
Analizziamo la notizia e contestualizziamola con una mappa.

lunedì 15 luglio 2013

L'acqua perenne sotto Ponte Testaccio

sotto Ponte Testaccio perenne pozzangherona
Possibile che non si trovi una soluzione ?
Ad esempio una canaletta con sopra una griglia, quanto viene a costare ?
No perchè se non avete i soldi, possiamo fare una colletta noi ciclisti urbani, risparmieremmo molto di più che di acqua e sapone per smacchiare i pantaloni e le magliette.

Dorsale Tevere: riaperto l'accesso alla banchina ma manca segnaletica.

Come già segnalato è stata abbattuta la scala di ferro, su Lungotevere Gassman, che ha consentito (malamente) negli ultimi 5 anni il collegamento della Pista Ciclabile Tevere interrotta dai lavori per il Ponte della Scienza, ancora chiuso.

C'è stato per qualche giorno il disagio di non poter utilizzare la pista fra Lungotevere Pietrapapa e Ponte Testaccio, ora finalmente è stato riaperto l'accesso originario (rampa sterrata) proprio all'altezza del Lungotevere Pietrapapa.

Purtroppo però l'assenza di segnaletica adeguata confonde i ciclisti che vagano in strada o sui marciapiedi con grave pericolo, resta ancora paradossalmente il vecchio cartello con l'obbligo delle bici a mano ed un parapedonale in piena pista !
la scala non si vede più

Ponte della Scienza (II): dal lato del gazometro lavori in corso, ciclabile ? no!?

lavori anche lato gazometro, collegati con il ponte, ma non è ciclabile!!!
Passando su via del Porto Fluviale, direzione Ponte dell'industria, e buttando un occhio a sinistra si nota una delle manifestazioni estive che ormai coinvolgono tutta la città. Incuriositi ci si avventura nel deserto antimeridiano, che sarà riempito solo in tarda serata, ma la situazione nel primo tratto non è cambiata, strada  non asfaltata, con fondo di detriti e ghiaia.
Ma superate le installazioni della manifestazione colpisce, l'occhio allenato, la presenza di marciapiedi su entrambi i lati della strada, inesistenti fino a poco tempo fa. Sono collegati al ponte ed uno potrebbe pensare che stiano allestendo un percorso protetto per le biciclette che congiunga il ponte ciclopedonale con via del Porto Fluviale, e invece no.

Ponte della Scienza - opere complementari

Ponte della Scienza: ritardi e rampe assurde per arrivare in banchina

ponte ancora chiuso
Cartellonistica lavori non aggiornata
Il Ponte della Scienza resta ancora chiuso, anche l'assurda rampa è chiusa e ci dormono già dei senzatetto, dal lato del gazometro stanno realizzando dei marciapiedi ed delle aiuole, opere di compensazione scrivono, ma nessun percorso ciclabile. Insomma d'accordo che il sindaco è in carica da poco tempo ma i "tecnici", direttori e coordinatori dei dipartimenti, che non cambiano ad ogni elezione, cosa fanno ?

mercoledì 10 luglio 2013

Viale Giulio Agricola: il pup è saltato ma la pista resta chiusa

la ciclabile di viale Giulio Agricola chiusa da anni
I comitati nopup hanno protestato per gli alberti, si sono battuti per far parcheggiare di nuovo le auto, ma non si sono minimamente preoccupati della pista ciclabile che resta chiusa e sempre più degradata.
 
Occorre ricordare che quella pista è il proseguimento dell'altro tratto esistente su via Nobiliore (cui manca poco per raggiungere via Papiria e la dorsale Togliatti, e se fosse completato fino a San Policarpo (dove si congiungerebbe con la pista di via Lemonia ed i sentieri strategici (seppure palliativi) del Parco degli Acquedotti e del vicino parco di Tor Fiscale).

Ora il sistema di piste ciclabili del neo municipio VII° (ex IX° e X°) che con piccoli sforzi congiungerebbe addirittura Vermicino con il Lungotevere, attraverso il sistema ciclabile torvergata,  appunto Giulio Agricola, Parco degli Acquedotti, Parco di Tor Fiscale, Caffarella, Dorsale Colombo... vedi mappe ciclabili.
Ma non è dato sapere se e quando sarà ripristinato almeno questo tratto.


Ciclabile Colombo: tratto di via delle Terme di Caracalla vittima della movida

motorino lasciato sulla pista ciclabile
Non solo la sera e la notte ci sono le auto parcheggiate sulla pista ciclabile a causa dei visitatori di Roma Vintage, ma anche di giorno rimangono tracce come il motorino nella foto o i vetri, volutamente lasciati sulla pista ciclabile per danneggiare i copertoni dei ciclisti. La volontarietà la derivo dal fatto che nel prato circostante non ci sono bottiglie, quindi è solo e soltanto bieco vandalismo e dispetto verso i ciclisti che protestano per le angherie dei nottambuli.

giovedì 4 luglio 2013

Macchine e motorini sulla banchina del Tevere, ma la sicurezza per pedoni e ciclisti ?

da Ponte Cavour 5 auto ed un motorino
Ma è normale vedere 5 auto e 2 motorini parcheggiati sulla banchina del Tevere che non dovrebbe essere acceduta dai mezzi a motore, anche perchè non c'è spazio sufficiente e quindi sono passati sopra la pista ciclabile ?
Mi auguro che Marino prenda in considerazione l'idea di fermare questa pericolosissima plaga, se vuoi andare a divertirti lungo il Tevere parcheggia in superficie o vieni in bici o con i mezzi pubblici.
Anche i gestori si dovrebbero organizzare per il rifornimento con mezzi non a motore, al limite carretti o tricicli con pedalata assistita. Lo fanno anche a Napoli ormai perchè a Roma no ?

Ponte della Scienza, rimossa la scala di ferro... siamo alle solite

Siamo alle solite, dopo aver realizzato (ma ancora non aperto) un collegamento tra la banchina ed il Lungotevere Gassman che sarà fruibile solo con la bici a mano (visto che è fatto a gradoni) sono intervenuti a rimuovere (fonte: forum Ciclomobilisti) la scala di ferro installata nel 2009 proprio per ovviare all'interruzione della pista ciclabile dovuta ai lavori di costruzione del Ponte della Scienza (che ancora è chiuso).

scalinata rimossa


Peccato che non abbiano ancora "riparato" il tratto di pista che collega la location della scala rimossa e la risalita in superficie al ponte, o meglio speriamo quella originale che risaliva direttamente sul Lungotevere Pietrapapa, quindi ora per proseguire lungo la ciclabile tevere occorre un lungo giro su strade non proprio tranquille, Via Portuense, Piazza della Radio, rotonda del Ponte dell'Industria (Ponte de Fero).
Se per i gitanti domenicali questo può essere un fastidio aggirabile tornando sui propri passi, per i ciclisti quotidiani diventa una fonte di stress non indifferente, soprattutto per quelli che da Nord viaggiano verso sud che si trovano ad affrontare sensi unici che li costringono a giri piuttosto lunghi.

lunedì 1 luglio 2013

Finalmente la ciclabilità passa alla mobilità !

Quindi finalmente la mobilità ciclabile è diventata di competenza dell'Assessorato alla Mobilità e Trasporti, superando la vecchia impostazione che vedeva la bicicletta come qualcosa di legato "solo" all'ambiente o al tempo libero e non alla mobilità. 
Ora il finanziamento e l'applicazione del Piano Quadro della Ciclabilità approvato all'unanimità dalla precedente Giunta, è fondamentale.

tratto dall'ordinanza del Sindaco n.134 del 27 giugno 2013
Immagini tratte dal PDF sul sito del Comune di Roma

lunedì 24 giugno 2013

Va bene che non è ancora in carica la giunta...

Però almeno le cose essenziali ! La pista ciclabile tevere all'altezza di Castel Sant'Angelo è ancora oppressa da un accumulo di sabbia di proporzioni enormi, sono stati ricavati due passaggi, ma entrambi creano difficoltà e si rischia di cadere senza contare che gli ingranggi si sporcano e rovinano a causa dei granelli di sabbia.

Insomma serve un sindaco ed una giunta o basta la manutenzione ordinaria, visto che si verifica tutti gli anni ? Sarà ora che a pagare non siano più solo Sindaco e Consiglieri ma anche i Direttori dei dipartimenti ?


mercoledì 19 giugno 2013

Furio Camillo: siamo da capo

Fra cassonetti della differenziata, occupazioni abusive, divieti di sosta e ristrutturazioni di palazzi, la pista ciclabile è tornata ad essere un percorso di guerra, siamo in attesa della nuova giunta per sperare in un ritorno alla legalità. In questa città ad ognuno può venire in mente qualcosa e farlo, tanto nessuno controlla.

questi si sono inventati che i pedoni devono passare sulla ciclabile

lunedì 10 giugno 2013

Ponte della Scienza: ancora non aperto (e siamo al ballottaggio)

Siamo in pieno ballottaggio ed ancora il Ponte della Scienza non è stato aperto, come molte altre opere inaugurate incomplete anche questa resta in sospeso fino alla ripresa del governo della città.

L'inaugurazione del Ponte della Scienza è attesissima non tanto per il ponte in se, che per ora non sarà collegato a nulla di concreto, ma soprattutto per la definitiva riapertura del tratto di ciclabile sottostante, Dorsale Tevere, da anni interrotto da una anacronistica scalinata che ne impedisce la frequentazione ai ciclisti urbani.

L'unico beneficio del ponte, che invece diventerà un castigo per i ciclisti se dovessero vietarci il Ponte dell'Industria (o Ponte di Ferro) con notevole aggravio di distanza ed anche di sicurezza, sarebbe quello di poter traversare l'ex-miralanza e raggiungere viale Marconi direttamente, anche se c'è dislivello. Per ora un passaggio non ufficiale c'è, ma DEVE essere ufficializzato e sistemato.

il Ponte pronto, ma dal lato opposto mancono opere stradali

Il senso di Napoli per la mobilità ciclabile

Rapida escursione napoletana, che però consente una riflessione sull'approccio del Sindaco De Magistris e della sua giunta, che evidentemente ha anch'essa problemi economici.
Innanzitutto quello che colpisce è la quantità di cicloparcheggi, forse non eccezionali come sicurezza, diffusi in buona parte del centro, in piazze e strade di alta frequentazione (parcheggi per fare la spesa, per andare in banca o al lavoro) e davanti all'università.
Una lunga pista ciclabile sul lungomare, che tra l'altro è pedonalizzato su via Partenope, in alcuni punti "difesa" da blocchi bianco/rossi per evitare l'accesso delle auto, sulla pista ci sono indicazioni di mobilità, come attraversamenti e direzioni, disegnate in terra o su cartelli dedicati. Inoltre su alcuni marciapiedi in vari punti della città, compare una segnaletica orizzontale che evidentemente indica la possibilità di circolare anche in bicicletta, anche se il logo è un po' particolare e ci ho messo un po' per capire che fosse una bici :-)
Insomma come primo passo è ottimo per un sindaco che ha preso le redini solo da due anni, e che si è trovato con zero infrastrutture per la mobilità ciclabile. 

marciapiedi ciclabili

mercoledì 29 maggio 2013

Laurentina: la ciclabile che sparisce dai piani


Dopo l'inaugurazione farsa di qualche giorno fa, è comparso questo volantino che ci informa sui reali tempi in cui sarà effettivamente in piena funzionalità il corridoio della mobilità... e non si menziona il completamento la pista ciclabile (Dorsale) Laurentina che da tempo langue interrotta alla confluenza di viale dell'Umanesimo.

Ma il discorso di fondo è a chi interessa ? solo critiche dai ciclisti che non la usano perchè sarebbe scomoda, nessuna presa di posizione in difesa di qualcosa che comunque è costato soldi e che potrebbe essere migliorato ed invece sarà abbandonato anche per colpa degli stessi ciclisti, vittime del proprio egoismo.

mercoledì 24 aprile 2013

Municipale contro ciclisti urbani

Da tre giorni ci sono vigili urbani/municipale/polizia di roma capitale che stazionano con l'automobile sull'attraversamento ciclabile della pista ciclabile, palo con cartello di avviso posto sulla pista ciclabile (la base si vede poco ma è pericolosa), inoltre alcuni di loro parlottano (nella foto NON si vede) sulla pista.
Sia quelli nella foto sia quelli lungo il tratto e più avanti davanti alla FAO, passeggiano e parlottano senza prestare attenzione alle manovre ardite di auto e scooter (questi ultimi passano sempre contromano al semaforo pedonale) né alle auto in sosta vietata... sono li probabilmente per Napolitano & co.
 
Giustissimo! Ma se la bomba fosse in una delle automobili ferme ??? 

macchina di traverso, palo sulla pista, auto in sosta vietata...

giovedì 21 marzo 2013

Ancora disagi sulla pista a Viale Aventino

Qui siamo a viale Aventino, tre evidenze di pessimo comportamento da parte di tre componenti diverse:
  • una è la F.A.O. che come tutti gli anni non pota l'edera che invade la pista riducendone l'ampiezza e sporcando e/o bagnando gli abiti di chi passa;
  • una è la persona che puntualmente parcheggia la bici addosso al palo riducendo l'ampiezza della pista;
  • infine l'amministrazione comunale che non si preoccupa della segnaletica verticale (il segnala che la pista prosegue è crollato alla base del palo), né di quella orizzontale senza il logo della bicicletta i pedoni passano sulla pista.
in basso vicino alla ruota si nota il cartello caduto

lunedì 11 marzo 2013

Dorsale Anagnina-Tor Vergata: riverniciate piste ciclabili

Da una segnalazione sul forum dei Ciclomobilisti:
"[...] hanno rifatto l'intera segnaletica orizzontale, stavolta di colore bianco. Ce n'era davvero bisogno, quella di prima era scomparsa quasi completamenti, praticamente la vedevi solo se già sapevi che li c'era una ciclabile.
La nuova "verniciatura" riguada l'intera tratta, quindi da metà [di viale Antonio] Ciamarra fino a [viale di] Torre Maura, poi [via del] Fosso di Santa Maura, [viale della] Sorbona, [viale] Heidelberg, [viale dell']Archiginnasio fino a [viale] Guido Carli.
Per il resto i problemi di questa ciclabile rimangono sempre gli stessi, e cioè continue interruzioni, sali-scendi, gradoni, terriccio, pezzi di vetro, pezzi di ferro, pezzi di plastica, pezzi di tutto. 

L'asfalto è quello da marciapiede, quindi non granchè, ma c'è di peggio. [...]
Unica nota positiva, hanno messo la segnaletica sull'incrocio tra viale ciamarra e viale di torre maura, quantomeno ora il ciclista sa che il percorso prosegue anche dall'altra parte dell'incrocio."
Mappa di zona
Sul forum trovate le foto che ha scattato Turco, per il dettaglio della Dorsale vedi il post.

incrocio via Ciamarra e viale di Torre Maura

Dorsale Tevere ancora allagata


Ieri da Ponte Nenni

Dorsale Prati: nessuna nuova, pessime nuove

Nel caso delle ciclabili il detto "no news, good news" ovvero "nessuna notizia, buone notizie" non vale, anzi vale il contrario: se non c'è miglioramento le cose peggiorano.
Qui sotto ad esempio di vede che in due anni hanno tolto i cartelloni abusivi, ma non hanno apposto la segnaletica verticale ne quella orizzontale, rendendo così invisibile la pista dall'incrocio, e non essendoci le bici disegnate i pedoni tendono a passarci in mezzo.

Viale delle Milizie incrocio via della Giuliana/via Leone IV/via Andrea Doria

Questo era l'ultimo tratto realizzato, che fù al centro della polemica perchè c'erano i cartelloni piazzati al centro della pista, poi è calato il silenzio. Mi manca una foto in cui si vedono recinzioni lungo il marciapiedi, perchè si sono divelti i cicli di travertino, recinzioni fatte con paletti di ferro pericolosissimi !!

Ma tutta la dorsale soffre di vecchiume...

8 Marzo 2013 Convegno CRC a Bici@RomaExpo: manutenzione ciclabili

L'8 marzo 2013 su invito del CRC - Coordinamento Roma Ciclabile, ho partecipato in rappresentanza del forum Ciclomobilisti, per parlare della manutenzione delle Piste Ciclabili romane, questo l'intervento.



Per il video si ringrazia Guido Fontani del Comitato Ciclabile Nomentana che ha effettuato e pubblicato le riprese del convegno.

venerdì 8 marzo 2013

Stasera si parla anche di manutenzione... quale manutentenzione ?

Stasera ad un convegno organizzato dal Coordinamento Roma Ciclabile, presso la Fiera di Roma in occasione dell'esposizione Bici@RomaExpo, si dovrebbe parlare anche di manutenzione delle piste ciclabili... quale manutenzione ? Quanto è costato disegnare a mano la segnaletica orizzontale in maniera approssimativa e quasi sparita in meno di un mese ?

situazione segnaletica orizzontale oggi rapportata a circa un mese fa

lunedì 4 marzo 2013

Togliatti: si DEVE recuperarla e soprattutto terminarla

Quando per qualche tempo non si percorre integralmente la Dorsale Togliatti ci si dimentica della sua incompletezza ma anche e sopratutto della sua strategica necessità, il che poi è causa prima dell'incompletezza. Vi ricordo che da un capo e dall'altro della Togliatti si trovano due stazioni della metropolitana (Metro A - Subaugusta/Giulio Agricola, Metro B - Ponte Mammolo e presto anche la Metro C - Parco di Centocelle), raggiungibili rapidamente ed a costo zero in bicicletta, che in molti casi può essere portata a bordo.

L'intermodalità è uno dei punti di forza della Dorsale Togliatti

Passaggio via Prenestina - viale Franco Angeli (Casale Rosso)

Mappa del passaggio
Passaggio pedonale noto ai ciclisti che percorrono il GSA, può essere sfruttato durante il giorno e con molta attenzione (causa ghiaia e isolamento), per raggiungere via Prenestina da Via Franco Angeli, anche perchè il senso inverso (che è quello fotografato) è in leggera salita e comunque è fattibile, allungando, anche su strada. Con un po' appena più attenzione si poteva trasformarlo in ciclopedonale, ma come al solito chi ci guida non conosce territorio, ed i residenti vedono solo attraverso il parabrezza della propria automobile.

domenica 3 marzo 2013

Ciclabile Togliatti-Cervelletta (viale Bardanzellu)

Visita mattutina per verificare lo stato dei lavori su via Bardanzellu, non riuscivo a ricordare se avevo effettivamente già fatto un report su questa pista, che è ancora in costruzione con imbarazzanti "vuoti" privi di indicazioni. Non è disponibile il progetto sul cartello dei lavori, ne sapere il piano dei lavori.
Dalla Dorsale Togliatti si vede il cartello che indica la pista, ma non c'è un vero e proprio attraversamento diretto, fattibilissimo vista la presenza del semaforo, ma figurati se ci hanno pensato.
Tra l'altro anni fa su RomaPedala maturò una proposta di aggiungere al cartello l'indicazione del codice/nome della pista in modo tale da permettere ai ciclisti di sapere dove conduce un itinerario e se ha senso seguirlo, basterebbe davvero poco per migliorare, ma cose scontate per i mezzi a motore non lo sono per quelli a trazione umana.

Incrocio via Togliatti, via Bardanzellu
visto dalla ciclabile togliatti direzione Ponte Mammolo
(vedi cartello ciclabile a destra)
inizio della pista ciclabile

giovedì 28 febbraio 2013

Dorsale delle Ville Storiche

La Dorsale delle Ville Storiche collega i Parioli/villa ADA, passando per Villa Borghese (Giardino Zoologico ora Bioparco) e per Viale delle Belle Arti, con il tevere (via Flaminia e Prati) e la Dorsale Tevere.

Contesto

la pista contestualizzata nell'ambito della rete ciclabile

 

Ciclabile Giulio Agricola - Marco Fulvio Nobiliore - Lemonia

mappa stilizzata
La Lemonia-Giulio Agricola-Nobiliore si trova nel territorio del Municipio X. La porzione di Viale Giulio Agricola - Viale Fulvio Nobiliore è stata realizzata anni fà ed ha subito le stesse critiche di inutilità attribuite ad altre piste periferiche. Ora con la realizzazione del tratto su Via Lemonia acquista maggior senso integrandosi in un sistema di passaggi sia a scopo turistico-ludico che pratico quotidiano.

Problemi

Il principale problema deriva dal parcheggio selvaggio che occupa gli accessi ai vari tratti della ciclabile.

Sviluppi futuri

Proseguendo la ciclabile su Via Nobiliore fino a via Papiria e da qui a via Romano Santi in corrispondenza con Via Palmiro Togliatti si otterrebbe un accesso prezioso alla e dalla ciclabile Dorsale Togliatti. Inoltre se da Via Lemonia si prolungasse la pista lungo la Circonvallazione Tuscolana si ottiene un collegamento con la fermata Metro A Subaugusta ed il Centro Commerciale Cinecittà 2

Percorso

Nodo note
Via Marco Fulvio Nobiliore / Via Tarquinio Collatino (INIZIO)
Via Marco Fulvio Nobiliore / Piazza San Giovanni Bosco Parrocchia Don Bosco
Via Marco Fulvio Nobiliore / Via Tuscolana Metro A - Giulio Agricola
Viale Giulio Agricola / Via Tuscolana Metro A - Giulio Agricola
Viale Giulio Agricola / Via Lemonia Parrocchia di San Policarpo
Via Lemonia / Viale Appio Claudio Cicloparcheggi, Connessione con Pista interna al Parco degli Acquedotti
Via Lemonia / Circonvallazione Tuscolana (FINE) ingresso nel Parco degli Acquedotti


Link esterni

  • BiciRoma Foto descrizione della ciclabile nel tratto Papiria-Lemonia